20160808_073209

I suoi resti si possono osservare nella piana in cui il fiume Imera si distende dopo la sua discesa dai vicini colli madoniti. Dista dall’abitato di Resuttano circa 4 Km. Esso risulta costituito da un torrione, attorno al quale si dislocano edifici minori anche di epoca recente. Si ritiene che il Castello risalga al ” primo periodo normanno. Però il nome riporta all’antecedente periodo arabo” (Lo Vetere). Il nome infatti verrebbe dall’arabo RAHAL-SUPTANUM (Fattoria fortificata). Gli arabi avrebbero edificato questa fattoria come “edificio insieme rurale e militare” data la notevole importanza strategica di quel posto: “perché costituiva la porta d’ingresso dalla via del fiume ai centri madoniti”. “L’epoca più probabile della nascita del rahal è la metà del X secolo” (Lo Vetere).

Durante il periodo normanno il castello, non particolarmente grande, rispettava “una precisa funzionalità militare: rifugio sicuro di una guarnigione ed efficiente stazione di transito”. A partire dal XV secolo appartenne ai Ventimiglia di Geraci. Nel XVI secolo, in seguito al matrimonio di una Ventimiglia con Giovan Forte Romano, il castello e il feudo passarono a questi.

Nel 1625 fu acquistato da Giuseppe di Napoli per il figlio Gerolamo, che, due anni dopo, divenne il primo principe di Resuttano. “Dal 1600 il castello perde la funzione militare e conserva solo quella di fattoria” (Lo Vetere).

Ai di Napoli appartenne sino al 1919, quando venne acquistato dal notaio Antonino Manasia, per conto della Società Operaia Garibaldi, onde dividerlo in lotti ai coltivatori. Molti lo boicottarono, e il Manasia rischiò di persona. Per questo buona parte del feudo divenne sua proprietà, compreso il castello.

Nel dicembre del 1997 la Soprintendenza ai Beni Culturali, dopo lungo iter, ha portato a termine l’ esproprio relativamente al solo complesso murario, realizzando immediatamente un primo intervento di consolidamento delle strutture e pulizia dell’ambiente.

A chi visiti il castello parecchi elementi balzano con piacere alla vista: belle finestre “che conservano elementi architettonici eleganti: prevale l’arco romanico, ma c’è anche una finestra con architrave rinascimentale”; una scala a chiocciola in pietra che conduceva ai piani superiori; una sala a volta; il cortiletto interno, sul cui muro interno è dato vedere lo stemma signorile.

Clicca qui per Storia e immagini del castello 

Annunci