Petralia Sottana è situata nel cuore del Parco delle Madonie, a 1.000 metri s.l.m. Lontanissime, convalidate anche da numerosi e significativi reperti archeologici, le origini di Petralia Sottana. Nelle vicinanze dell’odierno abitato un sito denominato “Grotta del Vecchiuzzo”, la cui datazione risale a 3000 anni a.c. nel periodo paleolitico e neolitico. Attualmente l’economia del paese, che mantiene un’importante posizione di centralità nel comprensorio madonita, si regge su un forte apporto dell’impiego pubblico, su modeste attività agricole e commerciali con un settore turistico in crescita, anche grazie alla stazione turistica di Piano Battaglia. Collocata a circa 1600 metri sul livello del mare in un’ampia conca carsica nel cuore della catena montuosa delle Madonie, è inserita in una pregevole cornice naturalistica, circondata da un’antica faggeta. Il suo sviluppo risale agli anni ’60, quando assunse l’aspetto di vivace e frequentata località turistica invernale, ospitando sia strutture per la pratica degli sport invernali, sia numerose strutture ricettive e case vacanza

Utilizzando la Regia Trazzera delle transumanse Petralia-Castelbuono, dopo circa 30 minuti si raggiunge Ponte di San Brancato, a schiena d’asino in stile romanico, che permetteva di attraversare il torrente Mandarini. Arrivati a Pizzo di S. Otiero è possibile osservare resti di colonne; qui, infatti vi era la cava di pietra “Lumachella” da cui si ricavarono le dodici colonne monolitiche della Chiesa Madre di Petralia Sottana. Il percorso prosegue sino a raggiungere la sorgente Catarratti, una delle più importanti della Sicilia centro-settentrionale e, più avanti l’omonima centrale idroelettrica, ancora funzionante, magnifica espressione di “archeologia industriale” dei primi del Novecento.

Petralia Sottana venera come sua Protettrice  la Madonna dell’Alto. Ai suoi abitanti è delegata la cura e la gestione del Santuario meta di pellegrinaggio nei mesi estivi.

Sito Turistico di Petralia Sottana

Ente Parco delle Madonie

Annunci